Relazione del presidente

RESOCONTO SUL 2007

Beppe2003Prima di iniziare l'esame dell'attività 2007 dell'AVIS-Ivrea ritengo doveroso esprimere un sentito ringraziamento ai soci presenti all'annuale assemblea associativa per valutare l'attività svolta nell'anno, i risultati conseguiti ed i problemi affrontati. Ugualmente doveroso un pensiero di saluto a chi ci ha lasciati nel corso dell'anno. A questo proposito mi sia consentito un particolare pensiero a Pierangelo Stracuzzi, già membro sia del Consiglio Direttivo sia dell'esecutivo AVIS-Ivrea e fondatore del Gruppo Sportivo. Analogo ricordo vorrei dedicare ad Alice ZILIO, per molti anni presenza costante a tutte le nostre manifestazioni.

Il 2007, appena concluso, è stato un anno di intensa attività promozionale, che si è concluso con un bilancio che ritengo sostanzialmente positivo. Il più importante aspetto positivo è dato dall'incremento di donazioni, incremento modesto ma presente: 40 donazioni in più del 2006, vale a dire 4.783 rispetto alle 4.743 del 2006. Si tratta, come già detto di un incremento assai ridotto, ma occorre tener presente che sono ormai parecchi anni di miglioramento degli ottimi risultati sempre conseguiti in materia di raccolta donazioni: migliorare diventa sempre più difficile! Mi preme sottolineare che l'incremento si è verificato principalmente nel trimestre giugno-agosto, vale a dire nel periodo notoriamente più critico in tutto l'ambito regionale e proprio per questo oggetto di particolare attenzione da parte della struttura sanitaria pubblica chiamata a fronteggiare esigenze non rinviabili ed emergenze statisticamente più frequenti a causa della forte mobilità.

Proseguendo su una linea tracciata ormai da parecchi anni, nella prima parte del 2007 abbiamo provveduto a predisporre una intensa campagna propagandistica, avvalendoci dell'aiuto di un testimonial scelto tra le glorie sportive del Canavese: quest'anno la scelta è caduta su Gianluca COMOTTO, calciatore di serie A, in forza al Torino, originario di Settimo Rottaro dove ancora risiedono i genitori. Gianluca, contattato dal nostro infaticabile Ezio CARAZZATO, si è dichiarato onorato della nostra richiesta di utilizzare la sua immagine e si è sottoposto agli scatti fotografici di Massimo SARDO per la preparazione del manifesto. Un sentito ringraziamento a Gianluca, oltre che a Massimo ed a Ezio per la riuscitissima iniziativa, elemento trainante di tutta l'attività preestiva. L'invito di Gianluca "dai un calcio all'indifferenza, dona sangue" ha troneggiato per mesi su manifesti, volantini, giornali e magliette contribuendo al menzionato buon esito delle donazioni.

Altro aspetto caratterizzante l'attività del 2007 viene dall'attività sportiva, sia per la parte organizzata dal Gruppo Sportivo AVIS-Ivrea, sia per alcune attività organizzate direttamente dalla nostra associazione. La collaborazione con due società di atletica (Ivrea e Strambino), l'organizzazione di due tornei di beach volley, la compresenza a rilevanti manifestazioni della zona, il campionato di monopattino sono la dimostrazione della vitalità della campagna promozionale verso il mondo dello sport. AVIS e sport condividono l'obiettivo di salvaguardia della salute: questo è il messaggio che viene veicolato e ben recepito tra gli sportivi.

Parallelamente sono da rilevare importanti momenti di collaborazione con altre entità della zona che, vista la nostra vitalità, sono ben contente di affiancare la nostra propaganda:

  • La fiaccolata "vita per la vita" svolta sul percorso Ivrea-Settimo Vittone, inserita tra le manifestazioni preparatorie al campionato nazionale ANA di corsa in montagna. Grande riuscita sia della nostra fiaccolata, sia della gara ANA, confermando la validità della collaborazione con gli alpini eporediesi.
  • La collaborazione con l'Ivrea Rugby per l'organizzazione di una manifestazione verso il settore giovanile ha fornito un nuovo sbocco per la nostra immagine.
  • Il torneo di calcio tra le rappresentative dei politici, dei magistrati, delle vecchie glorie Juve-Toro ed i veterani di Azeglio, organizzato ad Azeglio, ha costituito un nuovo momento di propaganda per il nostro marchio.

Tutto questo senza dimenticare due momenti ormai tradizionali: la Giornata di "Sport e divertimento" svoltasi ad Andrate e la "Corsa dei 5 Laghi" giunta alla sua 30esima edizione, 8 delle quali organizzate con la nostra attiva collaborazione.

Mi piace soffermarmi sull'immagine viva e dinamica che queste iniziative danno alla nostra associazione che, di conseguenza, è sempre più ricercata da altri enti ed organizzazioni che operano nell'eporediese per collaborare ad iniziative varie fornendoci, nel contempo, nuove opportunità per la nostra propaganda.

cover giornaleNell'ambito delle iniziative di promozione occorre poi ricordare l'importante ruolo del periodico "AVIS-Ivrea Notizie", giunto al suo ventiduesimo anno di vita. Anche quest'anno il nostro notiziario è regolarmente uscito alle scadenze previste grazie all'infaticabile lavoro di Elidio VIGLIO. Nella società odierna la comunicazione è diventata di primaria importanza ed anche il mondo del volontariato deve utilizzare questi strumenti per mantenere in vista la propria immagine ed i propri valori. In questa ottica è anche da ricordare il sito internet della sezione, curato da Alessandro PREGIONE, che affianca il giornale nel vorticoso mondo della comunicazione del 21esimo secolo.

Un po' meno positivo il bilancio per quanto riguarda dirigenti e collaboratori. A questo proposito devo registrare un allarmante allontanamento di veri e propri personaggi di riferimento, solo in parte sostituiti da nuove leve. Diversi dirigenti, per vari motivi personali, hanno dovuto lasciare o almeno ridurre il loro impegno per la vita associativa e l'inserimento di nuove persone risulta assai difficoltoso, specialmente se si cercano giovani. Non deve trarre in inganno l'inserimento di Patrizia CERVELLIN e Matteo ARENA nel Consiglio Direttivo in sostituzione di Francesco SCALISE e Gabriella GIANOTTI: Patrizia e Matteo sono, almeno fino ad oggi, le uniche nuove risorse a nostra disposizione.

Questo aspetto è già stato messo all'esame del Consiglio Direttivo e, nelle ultimissime settimane, si è cominciato a vedere qualche timido risultato: l'auspicio è di potersene fregiare nella relazione sul 2008, anno che vedrà la conclusione dell'attività di questo consiglio direttivo. A questo proposito mi preme concludere questa breve riflessione richiamando un importante momento di vita associativa: l'approvazione del nuovo regolamento elettorale stabilendo le modalità che dovranno essere seguite per il rinnovo delle cariche associative.

La bozza che viene proposta tende a mantenere, in qualche misura, una prassi decisamente consolidata nel nostro ambito, amalgamandola con le direttive statutarie oggi vigenti: i soci sono chiamati a scegliere in anticipo i nuovi dirigenti, in modo da consentire ai nuovi eletti di organizzarsi tra di loro, stendere un piano di attività ed un bilancio di previsione col quale presentarsi all'assemblea che avvierà il nuovo mandato.