Relazione del presidente

RESOCONTO SUL 2010

ViglioElidioL'anno appena trascorso ha visto la nostra sezione impegnata come sempre nella ricerca, tramite le varie manifestazioni organizzate, dei donatori indispensabili a garantire le quantità di sangue ed emocomponenti necessari per le esigenze interne dell'Ospedale di Ivrea e di quelli ad esso collegati, oltre che a soddisfare gli accordi di interscambio con altre strutture ospedaliere.

Oltre alle tradizionali iniziative, nel 2010 si sono svolti due eventi importanti per la nostra sezione: la festa sociale e i campionati mondiali di monopattino.

La festa sociale quest'anno ha avuto un'eco particolare in quanto è stata celebrata in collaborazione con l'AIDO che ha festeggiato i trent'anni di fondazione. Questo evento ci ha fornito l'occasione per organizzare una manifestazione articolata su due giornate. Sabato 5 giugno, nel pomeriggio, si è svolta nella palestra di Montalto Dora una partita di Volley fra le squadre ASD Montalto Dora ed una selezione di atlete di serie B.

Sempre sabato alle ore 21.00, nella splendida cornice del castello di Ivrea, si è svolto un concerto con l'orchestra "FIATINSIEME" che ha presentato le colonne sonore di alcuni film famosissimi, con l'ausilio della proiezione delle immagini dei film stessi.

La domenica si è svolta la festa sociale tradizionale con la premiazione dei donatori benemeriti e il pranzo finale. Nelle settimane precedenti, si sono organizzati momenti di incontro a Strambino, Vestignè e San Giorgio. A tutti gli eventi c'è stata una grande partecipazione di pubblico non solo avisino per cui è stato possibile trasmettere il nostro messaggio di solidarietà a molte persone.

MonopI campionati mondiali di monopattino sono stati l'altra grande occasione di propaganda. Grazie ad una grande partecipazione di atleti giunti da tutta Europa, oltre che da Stati Uniti e Australia, e ad una massiccia propaganda resa possibile dal contributo di Regione Piemonte, Comuni di Ivrea, Samone, Strambino, Mercenasco, Scarmagno e Romano Canavese, AVIS Provinciale e a numerosi sponsor, la manifestazione ha avuto un buon successo ed è stata seguita sia in diretta che sui mezzi di comunicazione dando modo anche qui di promuovere l'attività dell'AVIS.

Anche la propaganda nelle scuole superiori ha avuto una svolta tramite il progetto "ANDREA CERCA UN AMICO" organizzato e finanziato dall'ASL TO4. Il progetto sperimentale che è iniziato nell'anno scolastico 2009-2010 e proseguirà nel 2010-2011, si avvale come docenti di ragazzi che hanno avuto una formazione adeguata e che parlano da "peer to peer" (pari a pari) agli studenti loro coetanei e sembra avere un buon successo. Durante gli incontri, i volontari AVIS interagiscono con i "peer" nel trasmettere agli studenti i valori e le modalità della donazione di sangue e midollo osseo.

Oltre alle attività organizzate direttamente dalla nostra sezione vi è un ambito nel quale l'AVIS investe una parte delle proprie risorse: le sponsorizzazioni sportive. Da alcuni anni il consiglio direttivo ha intrapreso questa forma di propaganda ritenendola molto importante al fine della sensibilizzazione dei giovani e l'AVIS Ivrea e sponsorizza l'Atletica Ivrea, l'Atletica Strambino e dal 2010 la Società ASD Volley di Montalto Dora.

Con queste sponsorizzazioni si raggiungono non solo i giovani atleti e le persone che seguono gli eventi sportivi ma anche le famiglie dei ragazzi stessi ed in più casi, abbiamo potuto constatare direttamente l'affezione che si crea fra i ragazzi e l'AVIS.

CVolleyAnche quest'anno la campagna pubblicitaria prefestiva ha avuto come fulcro l'affissione di manifesti che riportavano l'immagine del testimonial AVIS 2010 che per questa edizione è stata interpretata dalla squadra "CANAVESE VOLLEY" Al di là della bella immagine delle giovani atlete che invitano a donare sangue, è stato molto bello vedere con quanto entusiasmo le ragazze ed i loro allenatori hanno svolto il ruolo di testimonial. Come hanno affermato le stesse atlete, è stato un vero piacere fare da portavoce per un'attività così importante come il dono del sangue. Da subito hanno voluto le divise con le quali disputare le loro gare e alcune di esse hanno già dimostrato la propria intenzione di diventare donatrici.

Desidero infine ringraziare tutti i consiglieri, i responsabili dei centri operativi esterni (ex sottosezioni) e i numerosi collaboratori che nell'arco dell'anno ci hanno coadiuvato nell'organizzazione e nello svolgimento delle varie iniziative, grazie alle quali ancora una volta, siamo riusciti a garantire il fabbisogno di sangue del Servizio Trasfusionale di Ivrea.